Acqua bene fondamentale per la vita: preserviamola!

Quanta acqua consumiamo al giorno?

Nel ventunesimo secolo l’attenzione verso la riduzione degli sprechi è in continuo aumento, per una vera e propria necessità è in accrescimento la sensibilizzazione verso il risparmio energetico e la preservazione dei beni di prima necessità come l’acqua. Quest’ultima è un elemento fondamentale per la vita, ma non tutti ne hanno a disposizione in quantità sufficiente, si conta che circa 48 milioni di persone nel mondo non abbiano accesso all’acqua potabile e che addirittura un miliardo viva al di sotto della soglia del fabbisogno di base, definita a livello internazionale in 50 litri giornalieri. All’opposto, nei paesi più sviluppati, risulta che vengano utilizzate ingenti quantità d’acqua con la percezione che sia un bene infinito.

Consumi di acqua in Svizzera

Con un consumo di circa 180 litri pro-capite al giorno, in Svizzera non esistono preoccupazioni riguardanti la quantità d’acqua potabile disponibile, semmai l’attenzione viene posta sulla disponibilità di questo bene in ogni ambiente. Inoltre il territorio elvetico permette l’esportazione di acqua potabile, presente in quantità sovrabbondante rispetto ai fabbisogni degli abitanti. Questo avviene in molti paesi sviluppati, ma bisogna anche sapere che non c’è questa disponibilità in ogni zona del pianeta e che anzi il problema dell'approvvigionamento idrico è molto serio in diversi paesi.

Fabbisogni idrici

A livello internazionale la quantità di acqua potabile riconosciuta per i fabbisogni minimi (dissetarsi, minima igiene personale e piccole operazioni di pulizia) è calcolata in 20 litri, meno della metà della sopracitata soglia per il fabbisogno di base. L’Unicef calcola che 750 milioni di persone non abbia accesso ad acqua potabile sicura e che di questi circa 400 milioni in 26 diversi paesi non raggiunga il fabbisogno minimo.

Ricerca di soluzioni e di sensibilizzazione

La soluzione per offrire dei livelli sufficienti di acqua nelle zone disagiate non è semplice, nella maggior parte dei casi le difficoltà sono legate a territori in cui scarseggia questo bene, zone aride e molto calde o dove le piogge sono un evento raro. Il consumo nei paesi con una maggiore disponibilità di acqua non ha nulla a che vedere con le quantità accessibili dai meno fortunati, ma l’attenzione agli sprechi è comunque un argomento attuale per via di vari campanelli d’allarme lanciati da vari studiosi o associazioni ambientaliste. Stime dell’ONU affermano che nel 2050 servirà il 30% di acqua in più per soddisfare i fabbisogni di tutte le persone, per poter garantire questo aumento dei consumi sarà importante prevenire danni ambientali, preservare le fonti, i corsi ed i bacini, oltre a ridurre al minimo gli sprechi.

Obiettivi mondiali

I maggiori esperti sono comunque ottimisti e parlano della possibilità di attuare soluzioni per ridurre lo stress idrico e preservare le fonti d’acqua, anche in vista di un bisogno superiore a quello odierno: conservazione degli spazi verdi, aumento degli stessi nelle zone urbanizzate, maggior efficienza nelle pratiche agricole e minor spreco di cibo, sono i principali obiettivi.


Le informazioni su come ridurre i consumi nel nostro piccolo ed a livello collettivo sono molte: continua a seguire il nostro blog per rimanere aggiornato e scoprire come ridurre il consumo d’acqua nella tua abitazione!

Condividi  

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti ora per ricevere aggiornamenti e offerte straordinarie!

Grazie